Razze di gatti

Blu di Russia: il coinquilino perfetto

Coccole, serenità e ozio casalingo. Il gatto Blu di Russia è il compagno d’appartamento perfetto se siete delle persone che amano la tranquillità, non conducete uno stile di vita frenetico e dentro le mura di casa non vi dedicate a feste, chiasso e stress.

Inoltre, è perfetto se siete allergici al pelo dei gatti perché rientra tra le razze anallergiche.

Ciò è dovuto al fatto che questa razza non produce molta proteina Fel D1 che tramite la saliva si attacca al pelo. Grazie al folto sottopelo del Blu di Russia, inoltre, le molecole rimangono attaccate alla pelle e non si disperdono nell’aria.

Le origini di questo felino aristocratico ed elegante sono un po’ incerte.

Alcune fonti lo vedono originario della Russia e Scandinavia, da cui prende il nome. Pare che la prima volta ad essere notato fu nella prima metà dell’Ottocento nel porto di Arcangelo, sul Mar Bianco, quando dei marinai ne imbarcarono alcuni esemplari sulle navi per sterminare i topi.

Da lì, il Blu di Russia viene portato attorno al 1850 alla corte dello Zar Nicola e la sua eleganza conquista rapidamente il cuore dei nobili. Nel 1860 approda in Europa, in Inghilterra, dove viene venduto agli abitanti dai marinai che attraccarono al porto e la razza inizia a diffondersi in tutta l’isola con diversi nomi: Blu di Malta o Maltese, gatto Spagnolo, Blu Arcangelo.

All’inizio del Novecento venne presentato alle prime esposizioni a Londra, inizialmente assieme al British Blue che è molto simile ma più possente, ma solo nel 1912 la razza Blu di Russia venne riconosciuta e ufficializzata e qualche anno più avanti venne addirittura fondato il primo Club dei Blu di Russia.

Caratteristiche fisiche

Il Blu di Russia è un gatto molto elegante e perfettamente proporzionato.

È una taglia media dalla struttura robusta ma dalla corporatura snella e longilinea, con le zampe lunghe e sottili e la coda larga alla base e affusolata in punta.

La sua andatura è fluida e sinuosa, per questo motivo viene considerato snob e aristocratico. Ha una muscolatura forte in realtà, che gli permette di scattare, se necessario, come il migliore dei cacciatori.

Gli occhi grandi e a mandorla arrotondata sono sempre di colore verde, anche se nei cuccioli sono gialli nei primi mesi di vita ma pian piano assumono la colorazione tipica.

Il gatto Blu di Russia ha un musetto davvero particolare, con la linea della bocca incurvata all’insù in un perenne enigmatico sorriso, come quello della Gioconda.

Ma è il pelo, corto e con molto sottopelo, sottile e morbidissimo, il punto di forza di questo adorabile felino. Il colore del pelo è il tipico blu intenso, da cui prende appunto il nome, con le punte dai riflessi argentati e lucenti.

Sono ammesse tutte le sfumature del blu e la variante più chiara è quella maggiormente apprezzata. Inoltre, nel gatto Blu di Russia il mantello deve essere sempre uniforme, non sono ammesse macchie e striature di nessun tipo.

Il carattere del gatto Blu Di Russia

Carattere

Il Blu di Russia non ama il baccano, ha una personalità molto tranquilla e rilassata e la sua attività quotidiana preferita è l’ozio. Ecco perché è il gatto perfetto per vivere in appartamento e si adatta alla convivenza domestica senza alcun problema.

Il gatto Blu di Russia ha un carattere molto dolce, adora essere coccolato e instaura con l’uomo un rapporto speciale. È molto intelligente, una volta adottato impiegherà poco tempo a riconoscervi e rispettarvi e risponde al suo nome con facilità.

Eppure, inizialmente potrebbe rivelarsi timido e diffidente, in questo caso potrebbe impiegare un po’ a decidere di darvi confidenza ma, una volta capito che si può fidare, si concederà senza remore. I suoi modi sono sempre gentili, non è mai invadente e anche per comunicare un bisogno lo farà con discrezione e con un dolce miagolio sommesso.

Va d’accordo con tutti, umani e animali, anche se non sopporta chi è troppo vivace come i cani e i bambini perché turbano la sua quiete.

Salute, benessere e alimentazione

Il gatto Blu di Russia non richiede cure particolari e non è soggetto normalmente a specifiche patologie. È consigliabile dedicarsi periodicamente alla pulizia delle orecchie e dei denti per evitare l’insorgenza di problemi alle gengive ma, per il resto, dei controlli di routine dal veterinario saranno più che sufficienti.

Un’attenzione particolare, invece, la richiede il pelo che, essendo molto fitto, va spazzolato almeno una volta a settimana. Durante il periodo della muta, inoltre, va anche pettinato con un pettine di ferro a pelo e contropelo per eliminare l’eccesso, che tende a perdere in abbondanza nel periodo estivo.

Il gatto Blu di Russia è un vero golosone e il suo grande appetito, mal compensato dalla sua indole al relax, potrebbe portarlo a mettere su eccessivo peso. Per questo motivo è necessario curare l’alimentazione, che deve essere molto varia e ben bilanciata, cercando di limitare gli spuntini fuori orario.

Allevamento

Per un gatto Blu di Russia il prezzo è di almeno 900 euro. Questo prezzo è il minimo per un cucciolo perfettamente sano, con pedigree, e che sia stato ceduto dopo almeno 70 giorni dalla sua nascita.

Questo gatto, infatti, mal tollera i cambiamenti d’ambiente e ha bisogno che durante lo svezzamento e le prime vaccinazioni la mamma sia ancora presente.

Negli allevamenti sono concessi accoppiamenti solo con il gatto Nebelung, la versione a pelo lungo del Blu di Russia.

Back to top button