Razze di gatti

Toyger, il tigrotto da salotto

Una tigre giocattolo, questo è il curioso significato del nome della razza Toyger. Le sembianze, com’è facile intuire, sono quelle di una tigre in miniatura, ma il carattere è tutt’altro che feroce come quello del grande felino selvaggio.

Il gatto Toyger è frutto di un complesso lavoro di selezione iniziato negli anni Ottanta in California. La figlia di Jean Sudgen Mill, allevatrice che ha avuto il merito di aver creato la razza Bengala, era anch’essa un’allevatrice appassionata di tigri. Judy decise di fare meglio della madre e si impegnò a creare una razza di gatto che avesse le fattezze di una tigre, ma dal carattere docile e mansueto.

Incrociò allora Bengala con Mackerel Tabby, questi ultimi dotati di mantello a strisce come quello di una tigre. La razza fu riconosciuta ufficialmente nel 1993 con il nome di Californian Toyger.

Caratteristiche fisiche

Aggraziato, elegante ma forte e muscoloso. Il Toyger è un gatto dal fisico longilineo e corporatura di media dimensione. Sembra davvero una tigre giocattolo, con le zampe grandi e forti e la coda molto lunga e arrotondata.

La testa è tondeggiante ma il muso è affusolato, con le guance sviluppate e i cuscinetti delle vibrisse ben imbottiti. Le orecchie, invece, sono piccole e arrotondate, il che gli conferisce un aspetto ancora più da peluche. Gli occhi sono a mandorla e di colore verde o tendente all’oro, l’importante è che la sfumatura sia intensa.

È il mantello, con il caratteristico tabby, a rendere questo esemplare qualcosa di veramente raro. Il motivo è lo stesso che ritroviamo sulla pelliccia delle selvagge tigri, con base arancio e striature nere o marroni. Il pelo è corto e setoso, privo di sottopelo e quindi aderente al corpo. La sua lucentezza è tale da donargli un aspetto scintillante, quasi come fosse glitterato.

Carattere

Di selvatico ha solo l’aspetto esteriore, perché caratterialmente il Toyger è un vero e proprio coccolone. Non è affatto un gatto adatto alla vita fuori casa. La presenza di un giardino o spazio aperto può essere gradita per permettergli di sfogare la sua vitalità durante le sessioni di gioco, ma fondamentalmente non ha bisogno di molto spazio né di tanti stimoli, quindi si adatta facilmente in appartamento e si mantiene attivo senza far danni.

Incredibilmente dolce e pacifico, adora trascorrere del tempo con la sua famiglia umana e si lega indissolubilmente a tutti i membri, tanto da essere in grado di imparare ad andare al guinzaglio per delle avventure.

Va molto d’accordo anche con altri animali, bambini ed estranei. Ha uno spirito da giocherellone e preferisce l’interazione che l’attività in solitaria ma, nonostante ciò, è adatto a convivere anche con gli anziani perché lui per primo è amante del relax e della tranquillità.

Salute, benessere e alimentazione

Trattandosi di una razza rara con pochi esemplari al mondo, non sono ancora state scoperte malattie specifiche per gli esemplari di Toyger. È ovviamente opportuno sottoporlo a tutti i controlli e vaccinazioni specifiche, per assicurarsi che sia sempre in ottima salute.

Non è un tipo che richiede molte attenzioni, si dimostra infatti molto autonomo e indipendente nonostante il suo attaccamento agli umani. Il pelo corto non è soggetto a perdita abbondante, quindi basta una spazzolata settimanale per rimuovere eccessi e impurità.

Il gatto Toyger non è un golosone ma il suo essere mediamente attivo lo porta a richiedere più cibo del dovuto. Prestate attenzione allora alla sua dieta, che deve essere equilibrata e nutriente, sempre ricca di proteina e povera di carboidrati.

Allevamento

Raro tra i rari, l’allevamento di gatti Toyger è poco diffuso nel nostro paese. Solo negli Stati Uniti è possibile trovare qualche allevamento specifico in più, ma rimane comunque una razza abbastanza pregiata e complicata da reperire.

Per questo motivo, il prezzo di un cucciolo di Toyger può andare dai 1500 ai 4000 euro, dove gli esemplari da esposizione e riproduzione, quindi che rispettano rigorosamente lo standard, hanno un valore maggiore.

Back to top button